sabato 31 ottobre 2009

postmoderno in ritardo ?

La noto quando balla sul tavolo e la osservo quando si siede con inverosimile compostezza su un divanetto.
Viso pulitissimo, capelli biondi raccolti, trucco sapiente e leggero, gesti eleganti, occhi di ghiaccio ed aria scostante. Su di me, un cocktail assolutamente micidiale. Fossi Fabio Volo, direi una di quelle cazzate adolescenziali tipo che è una ragazza a cui vorrei dare piccoli baci d’inverno quando è avvolta in un cappotto ed una sciarpa pesante. Fossi Andrea De Carlo, direi una di quella cazzate d’atmosfera tipo che istantaneamente ho percepito una elettrica sintonia con il suo semplice essere lì in quel momento.
Oltre a constatare un insormontabile blocco psicologico, mi accorgo che trovo le parole insufficienti come se tutto fosse stato già detto quindi abusato e ormai privo di significato e l’unica strada fosse il giocare con i cliché. Oddio… che io stia diventando postmoderno con soli 50 anni di ritardo ?

Nessun commento: